new top ban acque reflue
A+ A A-

AVVISO EMERGENZA COVID19

avvisiamo la gentile clientela che, causa dell'emergenza sociale in atto, la nostra attività osserverà la chiusura al pubblico dei propri uffici e magazzino, fino a data da stabilirsi. per comunicazioni potete servirVi:

  • della casella vocale attivata al nostro numero 099 7351196 oppure 099 7353863
  • del nostro fax 099 7390164
  • della casella email info@sjmat.it

per comunicare la lettura dell'acqua compilare il form nelle sezione letture.

Siamo certi della Vostra comprensione e collaborazione

Acque di Prima Pioggia

Soluzioni a salvaguardia dell'ambiente

La gestione delle acque di prima pioggia è importantissima in tema di salvaguardia dell'ambiente.
Anche in questo settore, SJMAT si pone all'avanguardia realizzando sistemi di trattamento per grandi superfici o impianti prefabbricati monoblocco completati da apparecchiature premontate, in grado di accumulare le acque di prima pioggia, di depurarle e di avviarle allo smaltimento con portata regolata.

Impianti di raccolta acque prima pioggia

Sjmat installa sistemi e apparecchiature per la raccolta e la depurazione delle acque di prima pioggia provenienti da piazzali di parcheggio e aree scoperte.

L’attuale normativa impone la separazione delle acque di prima pioggia dal resto della precipitazione ed il suo convogliamento in fognatura o il suo trattamento depurativo in caso di successivo sversamento in falda. La legislazione vigente considera acque di prima pioggia quelle cadute sull’intera superficie, per una altezza di 5 mm., nei primi 15 minuti di eventi meteorologici distanziati fra loro almeno 48 ore. Per la raccolta di acque di prima pioggia esistono manufatti monoblocco forniti già premontati di ogni apparecchiatura, in grado di accumulare le acque in oggetto e successivamente di depurarle per poi avviarle allo smaltimento con portata regolata.

Queste apparecchiature prevedono la decantazione della sabbia e la separazione degli oli tramite un disoleatore dotato di filtro a coalescenza e di un otturatore a galleggiante. Un particolare dispositivo inserito nell’impianto segnala l’inizio e la fine della precipitazione e comanda la partenza della pompa inserita nella vasca, che avvia al disoleatore ed al successivo smaltimento una portata controllata.

Quando esiste una differenza di quota fra la fognatura interna ed il recapito finale può essere utile utilizzare vasche in calcestruzzo monoblocco con sezione di disoleazione separata, evitando così l’installazione di una sezione di rilancio. La scelta e il dimensionamento di queste apparecchiature per grandi superfici, quali parcheggi e coperture di importanti fabbricati, richiede esperienza e professionalità specifiche. E’ disponibile un amplissimo manuale tecnico dedicato a progettisti e imprese.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione