UNI EN 16582-1 – Piscine domestiche (capitolo 1)

Parte 1: Requisiti generali inclusi i metodi di sicurezza e di prova

SCOPO

La norma specifica i requisiti di sicurezza e qualità e i metodi di prova generale per le piscine domestiche. Tali requisiti e metodi di prova sono applicabili alle strutture di piscine interrate, fuori terra o da incasso, compresa la loro installazione e modalità di accesso.

Questa norma non si applica a:

  • piscine per uso pubblico (UNI EN 15288-1:2010);
  • SPA per uso domestico o pubblico;
  • piscine giocattolo prof. 40 cm (UNI EN 71-8:2012)

TOLLERANZE

Tolleranze dimensionali: tutte le misure indicate nella norma si intendono accettate con una tolleranza di ±3% se non diversamente indicato

PERDITE D’ACQUA

  • Laddove è possibile, le piscine dovrebbero essere realizzate in modo da non perdere acqua, per evitare danni alla struttura e a ciò che la circonda.
  • La perdita massima è specificata nella tabella 1.
TABELLA 1
  • Una volta installata, la piscina deve essere a tenuta secondo una delle classi stabilite nella tabella 1, secondo quanto dichiarato in sede di preventivo e di informazione al cliente.
  • La misura delle perdite deve durare per un periodo di sette giorni.
  • La riduzione del livello dell’acqua esclude evaporazione, attività dei bagnanti, la temperatura e l’umidità durante la prova (per piscine scoperte deve essere escluso il grado di esposizione al vento e al sole).

INDICAZIONI GENERALI

  • Una volta installato, il sistema di tubazioni deve appartenere alla classe W0 (= nessuna perdita ammessa)
  • Se c’è, la vasca di compenso deve appartenere almeno alla stessa classe della piscina.

continua >>

Lascia un commento